RADIO GIORNALE DI TAMBURO !

Le informazioni sono uno degli elementi piu' manipolati della nostra societa';
spesso abbiamo tutti avuto il sogno piu' o meno ardente di conoscere la verita'.
Forse la verita' non e' cosa di questa terra e neppure dell'isola di Tamburo ,pero'
se non la si puo' conoscere interamente sarebbe bello almento sapere di esserci
un po' piu' vicini del solito !!
Per questo ci e' venuta l'idea un poco pazza di cercare di mettere in piedi un nostro
Radio Giornale ,fatto da noi , fuori dagli schemi , fuori dalle logiche delle notizie
spazzatura dei vari network piu' o meno attendibili.
E come , direte voi ?
Nel modo piu' semplice , mandando nostri 'inviati' in giro per il mondo e chiedendogli
di raccontarci come si vive in Cina , in Usa,in Inghilterra ,in Germania...
Certamente non si potra' pensare di avere un vero Giornale Radio con uscite quotidiane
che ci racconti cosa succede minuto per minuto ; noi oltre a non potere avere tanto
non vogliamo neppure questo tipo di informazione : vorremmo avere solamente la lettura
soggettiva (per fortuna) di metodi di vita , di grandi eventi , un'informazione piu'
'lenta' ma piu' vera, piu' umana....
Proviamo a fare un esempio(anche perche' e' l'unico inviato gia' operativo!)...

 

CINA : OMBELICO DEL MONDO O INFERNO DEL 2000 ?(titolo mio non di Aless)

dal nostro inviato Aless.andro 'Guangzhou' Velluti.

20-04-1998 9:47

 Ciao a tutti,

non ho ancora una Mail cinese ma riesco ancora ad usare questa. Oggi ho letto questo
messaggio di Guido che, anche se letto in ritardo,mi ha fatto un enorme piacere.
E' bello riuscire a mantenere i contatti da cosi' lontano. Ieri sera sono atterrato a Beijing,
proveniente da Bangkok dove ho passato qualche giorno di relax e anche il mio compleanno.
Domani volo al Sud, Xiamen, poi a Quantzou. Al momento non ci sono stati grossi problemi
qui' per me, ho trovato persone molto cordiali.
Vi confesso che, specie in questi ultimi giorni, un po' di panico l'ho avuto, solo all'ultimo mi
sono reso conto del passo che ho fatto, so' che sto' cambiando radicalmente quella che sara'
la mia vita nei prossimi due anni.E devo contare molto su me stesso, come non avevo mai fatto prima.
La Cina e' piu' occidentalizzata di quel che credevo, non vanno tutti in bici,anzi c'e' parecchio
traffico. Beijing ( Pechino ) somiglia molto ad altre metropoli Asiatiche come Bangkok o Jakarta ,
le case tutte uguali simili alla nostra edilizia popolare anni '70,grattaceli, insegne al neon che
reclamizzano tutto quello che costa troppo per un'impiegato medio, tranne che per la Coca - Cola.
E' pieno di negozietti che riparano biciclette e strani veicoli a tre ruote che ricordano i tricli di
quando eravamo bambini.Il primo impatto con la cucina cinese non e' stato traumatico, ma non mi
sono avventurato in bettole ed ho scelto cose che piu' o meno conoscevo.
Piu' avanti vedro' come reagisce il mio stomaco.

Aless.andro

2-05-1998 4:09

 

1° Maggio !!!

 

festa dei lavoratori: qui' era tutto aperto, d'altronde lavorano anche il Sabato e la Domenica.
La cosa mi ha fatto un po' impressione, e' la prima volta che vedo la gente andare al lavoro
invece che a fare scampagnate.

Comunque, io mi sono fatto una ventina di Kilometri in bici(1), giusto per riattivare
le gambe.
Credevo di avere piu' resistenza, specialmente col fiato. Ma piano piano arrivero'
fino a Xiamen
che sta' a piu' di 100 Km da qui'.
A proposito, ma il vostro ufficio qui' e' a Quanzhou o Guangzhou (2)( sono citta'
differenti )

 
 

Ndr.:
(1)
Aless. mi datto al telefono che ha comprato una bici visto che le distanze sono molto lunghe anche
all'interno della stessa citta' e i taxi ,oltre che costare parecchio,hanno il problema che i conducenti
non parlano quasi mai altro che il Cinese, della serie 'vado bene per dove voglio andare io ?'!!!
Lui ed i suoi colleghi hanno rimediato trovandosi uno dei pochi taxisti 'poliglotti' che parla inglese
e 'prenotandolo 24 ore al giorno !!!!

(2) per farvi capire meglio la cosa io (m@uro)lavoro per una ditta di spedizioni che ha li' un
ufficio ma in Cina anche sapere dove si e' rappresenta un problema !!
Le citta ' infatti hanno nomi assai simili e soprattutto per un occidentale non e' improbabile pensare
di essere andati a Guanzhou e trovarsi invece a Quanzhou !!!!

LONDRA da Emanuela 'manu' la Presidentessa


Carissimo Mauro....eccomi qui pronta a sfogarmi un po' e a buttar fuori un po' delle emozioni che ancora conservo da Londra !
Premesso che non c'ero mai stata prima, che ho vissuto per 6 mesi a Dublino(citta' che adoro) e che pensavo fosse simile, che
aspettavo questo week-end da mesi, che mi ero caricata di entusiasmo ... MI SONO TROVATA NEL POSTO GIUSTO,
NEL MOMENTO PIU' GIUSTO DELLA MIA VITA, credo!

A parte il fatto che ho visto una Londra particolarissima con 30 gradi e un sole da abbronzarsi ( infatti sono tornata abbronzata!)
..........LONDRA E' IL POSTO PIU' "UNICO" CHE IO ABBIA MAI VISITATO!
Ti scrivo tutto quello che mi viene in mente senza sapere se magari ci sei stato e gia' sai le cose che scrivo.....
Comunque sia quello che mi ha subito colpito e' stata la GENTE : mi aspettavo di trovare molta piu' trasgressione, molte persone"strane"
.... invece ho trovato soltanto tanta LIBERTA' E POSITIVITA'....Londra non ha piu' una sua popolazione, Londra e' di tutti i colori e di tutti
i profumi......OGNUNO E' DAVVERO LIBERO DI ESSERE COME CREDE E DI DIRE CIO' CHE VUOLE E DI FARE CIO' CHE RITIENE GIUSTO
.....avrei potuto mettermi a fare le capriole nel giardino vicino a Piccadilly e nessuno mi avrebbe guardata male.....

Quello che mi ha colpito sono stati i profumi : uno dice, siamo in una citta' trafficatissima ci sara' smog piu' che profumo......invece, no.......
senti i profumi provenienti dalle cucine dei ristoranti indiami, dai baracchini che friggono hot-dogs all'angolo, dalla pizzeria poco italiana.....
e non sono odori sgradevoli.....neppure davanti a McDonald's senti la puzza di fritto tipica anche qui a Milano......Londra' profuma di atmosfere
diverse, di popolazioni diverseche convivono.....

E' stato bello anche vedere coppie multietniche....perche' da noi si parla tanto di liberta' ma non e' ancora una cosa cosi' comune.......
Ho fatto solo un breve giro da turista utilizzando quei bus rossi a due piani che ti portano in 1 ora e mezza a fare il giro di tutti i punti
importanti della citta' con tanto di spiegazione.....tanto per avere un'idea piu' generale...ma in 3 giorni avevo deciso che avrei vissuto Londra
per la strada...non nei musei!

Il resto del tempo l'abbiamo passato (io & la mia migliore amica Claudia) in giro, nei mercatini, a Covent Garden market, in St.James Park...
in giro a "guardare" la gente...a vedere come vivono, cosa fanno, come passano la giornata........

E' STATO MOLTO EMOZIONANTE !....MI HA LASCIATO CARICA DI SENSAZIONI E DI ENERGIA POSITIVA !!

...................

LONDRA E' UNA TAMBURO IN GRANDE : e' davvero l'isola della liberta' di parola e di pensiero!
Devo ammettere che e' stato un compleanno indimenticabile : tra il raduno e Londra ho trascorso la settimana piu' felice della mia vita....
E NON STO ESAGERANDO SCRIVENDO QUESTA FRASE! Questo e' tutto ...pero ora! se mi viene in mente altro te lo scrivo,

Manu'

Grazie Manu' per questo racconto cosi' entusiatico ed entusiasmante !! e' bello sentire tanta vitalita' e capire che basta un viaggio
come questo per assaporare belle sensazioni !!!

Torna all'inizio !!!